Dove non poteva più il corpo poteva l’anima e la sua mente continuava a spaziare libera in alto nel cielo…

100 GRAMMI DI PANE NERO.

Il nuovo libro rivelazione di Letizia Rocchi

*Ora a soli €16,50

Il dolce e l’amaro del pane e dei ricordi...

Nel pieno di un ricordo avvolgente quanto presente Letizia Rocchi osserva, con gli occhi della bambina che è stata prima e quelli dell’adolescente che è divenuta dopo, lo svolgersi della vita familiare nel quartiere Esquilino di Roma, a partire dai primi anni del 1930 fino a quelli successivi la Seconda guerra mondiale.

Il suo sguardo retrospettivo ripercorre con emozione gli accadimenti del contesto familiare e quelli più vasti del mondo che la circonda per descrivere con puntualità i tempi, rievocati dalla memoria, destinati a risvegliare ricordi comuni a molte persone.

Odori e suoni susciteranno memorie in chi leggerà queste pagine, come le sirene che, rompendo il silenzio, annunciavano distruzione e morte.

La descrizione molto viva delle abitazioni del tempo, del mercato e dei negozi del quartiere, i particolari della vita quotidiana di una famiglia numerosa, quando essere sorelle, figlie, amiche e compagne di scuola aveva un valore determinante, si fonda con elementi storici dell’epoca, a volte nei tempi recenti dimenticati, dando completezza e sapore al racconto.

Il ciclo dei ricordi delle distruzioni della guerra mondiale coinciderà con quello della dolorosa e inevitabile disgregazione della famiglia, lasciando un senso di amaro e di nostalgia a cui si affianca anche una speranza per il futuro.

LA PRESENTAZIONE

locandina presentazione 100 grammi di pane nero
ritratto della scrittrice letizia rocchi

L'autrice

LETIZIA ROCCHI

amante del jazz... ma innamorata di Chopin.

Scrittrice, pittrice e scultrice autodidatta, dopo essersi occupata per alcuni anni, in età giovanile, della famiglia d’origine, con il matrimonio è divenuta madre.

Dedicandosi completamente alla famiglia ha dovuto sacrificare a lungo le sue naturali passioni artistiche.

In età avanzata ha scritto Cento grammi di pane nero. il dolce e l’amaro dei ricordi” pubblicato da Albatros, per raccontare e trasmettere il vissuto di una famiglia nell’epoca storica del fascismo e della seconda guerra mondiale.

Vive in Svizzera, circondata dagli affetti più cari e dai suoi cani.

Benché ipovedente, scrive ancora con entusiasmo racconti e fiabe suggeritele dall’ambiente domestico in cui vive. 

Premio Racconti nella Rete 2019

Gaia, segregata in casa da inabilità e malattie dell’età, estremamente limitata da una allarmante e crescente cecità, riusciva ad evaderne per volare alto, grazie a tutto quel che la circondava per raggiungere nuovi spazi pur senza ali.

i pareri di chi lo ha già letto.

Questa biografia che ho letto come un romanzo, evidenzia con accurati dettagli familiari, storici e sociologici i dolori adolescenziali di una bambina fragile che da adulta riuscirà ad essere serena e a riconciliarsi col passato. Leggendo ho avvertito la sofferenza dell’assenza della mamma che incombe sulla famiglia tanto quanto i pericoli dalla seconda guerra mondiale.
Flora B.
Dubai
Scrive con uno stile compatto, che non indulge a sentimentalismi, anche se esprime continuamente affetti e sentimenti. Non cede a compiacimenti né a ridondanze espressive, Il tono non denuncia scadimenti o involuzioni formali. Questa è la caratteristica propria di chi sa scrivere con un suo stile personale, riconoscibile da stilemi non sono casuali. Nelle riflessioni non risulta mai banale o scontata: in una parola sente ciò che scrive, senza retorica e senza impressionismi. E' lucida nelle analisi degli eventi, sia di quelli personali o familiari sia di quelli più drammatici, che hanno coinvolto l'Italia e gli Italiani durante il ventennio e nell'immediato secondo dopoguerra...
Prof. Luigi Cimarra
Italia
Un salto indietro nell’Italia di prima della guerra e del dopoguerra, visto con gli occhi emozionati e nostalgici di una bambina prima e di una donna poi. Un assortimento di ricordi di luoghi, odori, giochi ormai desueti, abitudini e storia di quel periodo, che fa rivivere al lettore quei momenti come fosse uno spettatore attento di un passato ormai lontano. Pur essendo un racconto autobiografico, la scrittrice riesce a coinvolgerti, con la sua scrittura semplice, ma ricca di particolari, come se si trattasse di un romanzo, di cui si desidera conoscere l’epilogo finale…
Angelo Ciaprini
Italia
Una forte e appassionante lettura che permette di cogliere a pieno l'essenza delle esperienze di vita vissute dall'autrice del libro Letizia Rocchi. Lei infatti affronta in maniera esplicita la sua psicologia di donna e di scrittrice. Per tramite delle vicende intime, l'intreccio tra memorie e romanzo, riflette un intero periodo storico di vita italiana, memorie di una bambina con le sue difficoltà, emozioni e impeto è una testimonianza di un vissuto che ci cattura e ci tiene con il fiato sospeso.
Emergono sentimenti, paure, amore, sofferenza ma tanto altruismo, un libro istruttivo adatto soprattutto ai ragazzi che ne possono trarre insegnamenti di storia e di vita. Leggendolo si ha la sensazione di vedere scorrere una pellicola, tanto è dettagliata la scenografia visiva di tutta l'opera.
Rosanna Troncarelli
Italia
Mi sono domandato quale significato attribuire alla copertina. poi leggendolo ho compreso: un tram conduce i personaggi del libro lungo un tragitto comune ma gli stessi binari conducono in direzioni diverse ed in un terreno sempre più dissestato. Immagine emblematica della famiglia, delle persone e del tempo di cui si parla.
Umberto Bevilacqua
Italia
La piacevole ed interessante lettura mi ha coinvolto in una vivace ed appassionante altalena tra ricordi intimi e familiari ed avvenimenti storici di grande portata prima e dopo la seconda guerra mondiale. Facendosi accompagnare dal lettore nella sua crescita sin da quando era bambina, Letizia Rocchi rievoca, intrecciandoli, momenti di vita e di storia che commuovono, inteneriscono ed incuriosiscono. Fabio Fiore, Svizzera
Fabio Fiore
Svizzera

100 Grammi di pane nero

25 capitoli di pura emozione

PREMIATO NEI CONCORSI LETTERARI…
IV edizione del concorso letterario “L’aviatore delle fiabe” 

V edizione concorso letterario nazionale “Parole sul mare”

“C’era una volta un pane.” Anche così avrebbe potuto iniziare questa mia storia. La mia, in effetti, è una storia che ruota intorno alla sua presenza. I ricordi di quegli anni mi conducono spesso alla necessità di parlarne.

La storia della nuova abitazione prende, appunto, inizio da uno sfilatino conservato come ricordo del nuovo insediamento domestico della famiglia…  

In Svizzera, durante i periodi invernali, e di certo anche in altre parti del mondo, c’è l’abitudine di non far mancare il cibo ovunque necessario a uccelli e a piccoli e grandi animali selvatici che abitano i boschi di pianure, colline e montagne. Si verifica quindi che nel perdurare dell’inverno, molti spazi all’aperto, ancorché piccoli, offrano, con agganci opportuni su rami di alberi o su treppiedi, mangiatoie differenti per forme e grandezze, fornite di opportuni appoggi affinché i piccoli volatili stanziali e quelli di passaggio possano trovare cibo di cui alimentarsi. Gaia, pesantemente invalida, conduceva nella sua abitazione una vita molto solitaria, interrotta piacevolmente di tanto in tanto dalle visite, più o meno lunghe, di affettuosi e premurosi amici.

All’esterno il verde che le circondava era ricco oltre che di prato anche di arbusti e alberi che stagionalmente donavano differenti frutti che offrivano il loro nettare e nutrimento a numerosi insetti e uccelli che, alloggiando lungo la siepe del giardino, mangiavano a chilometro zero…

Presto in arrivo…

Voli AScENSIONALI

Acquista in un click il nuovo libro di Letizia Rocchi.

Versione
Cartacea

19,50 16,50
  • Spedizione inclusa
  • Consegna in 24H

Cercavi un anticipazione?

Scarica ora l’estratto 100% Gratuito

Cento Grammi di Pane Nero è Pubblicato da Gruppo Albatros Il Filo srl – viale Libia 167, 00199 Roma – Tel. 06.90289732 – Partita IVA: 07276551004